MY SWEET SMART HOME – Un’occasione di incontro a Bologna

Continua il lavoro sul progetto MY SMART SWEET HOME.

My Sweet Smart Home (2021-1-DE02-KA220-VET-000033058), è un progetto volto a garantire una qualità di vita migliore e un aumento dell’autonomia delle persone con disabilità fornendo loro conoscenze e formazione sulle possibilità e soluzioni offerte dall’uso dei sistemi domotici nella loro casa.

Il consorzio del progetto è composto da un team multiculturale e multidisciplinare di 6 partner provenienti da 5 paesi: Italia, Germania, Spagna, Grecia e Belgio. I partner del progetto sono esperti in diversi campi, dall’assistenza alla persona con disabilità attraverso l’uso di sensori e domotica in diversi campi.

Il 26-27 luglio si è tenuto a Bologna il 2° meeting transnazionale del progetto ospitato dall’AIAS, organizzazione con più di 50 anni di storia ed esperienza nell’assistenza alle persone con disabilità.

Durante l’incontro i partner hanno avuto l’opportunità di discutere il lavoro in corso e decidere i passi per le prossime azioni da fare in modo che sarà possibile raggiungere in tempo e con buona qualità l’obiettivo del progetto. Al momento il consorzio è concentrato sul primo output del progetto che è composto da una parte di ricerca che porterà alla produzione di una Guida a bisogni, problemi, interessi e soluzioni nella propria casa per le persone con una disabilità fisico-mentale, sensoriale, neurologica o organica.

Il CEIPES sta lavorando come responsabile della disseminazione del progetto, curando l’identità del progetto, le pagine social e il sito web del progetto.

Durante l’incontro i partner hanno avuto l’opportunità di visitare il Centro Regionale per le Tecnologie Assistive dell’Emilia Romagna, un centro dove vengono valutati i bisogni delle persone con disabilità per offrire loro la migliore soluzione tecnologica alle loro esigenze. Nel centro è inoltre possibile visitare un esempio di struttura assistita, un’intera casa dove le tecnologie domotiche rendono possibile una vita indipendente e migliore per una persona con disabilità.

L’incontro è stato ospitato dall’AIAS e grazie alla grande collaborazione di tutti i partner si è avuta la possibilità di vedere chiaramente le prossime azioni da intraprendere per il successo del progetto.

Per avere maggiori informazioni sul progetto, visita le pagine social e il  sito.