Per sei anni, la Settimana europea dello sport, nome in codice EWOD, ha contribuito ad affrontare la crisi dell’inattività incoraggiando le persone ad acquisire uno stile di vita sano e attivo. Lanciata nel 2015, la Settimana europea dello sport è stata creata in risposta all’aggravarsi di questo fenomeno.

Nonostante lo sport e l’attività fisica contribuiscano in modo sostanziale al benessere dei cittadini europei, il tasso di crescita dell’attività fisica è attualmente fermo e addirittura in calo in alcuni paesi.

La Settimana europea dello sport esiste – per portare la consapevolezza di quanto sia importante uno stile di vita attivo per tutti. Indipendentemente da chi siamo e da cosa facciamo, anche un leggero aumento della pratica sportiva regolare può avere un profondo impatto sulla nostra salute a lungo termine.

Le circostanze del 2020 hanno reso la settimana più necessaria che mai. All’inizio di quest’anno, la Commissione Europea ha risposto sviluppando la campagna #BeActiveAtHome.

Noi come CEIPES, grazie ai numerosi progetti realizzati attraverso il programma Erasmus+ Sport, abbiamo sempre sostenuto l’importanza dell’attività fisica, sia come strumento di inclusione che come veicolo per promuovere uno stile di vita sano e sicuro.

Per questo motivo la nostra organizzazione ha accettato di partecipare alla campagna promozionale lanciata dalla Commissione Europea, aderendo alla campagna Be Active e diffondendo le attività sportive svolte, attraverso brevi video pubblicati sui nostri account social.

La Settimana ha continuato a crescere anno dopo anno, incoraggiando sempre più cittadini europei ad adottare uno stile di vita sano e attivo. Dai cinque milioni di partecipanti e dai 7.000 eventi del 2015, l’edizione del 2018 ha attirato ben 12 milioni di partecipanti in 48.500 eventi.

Non dimenticate di seguire e sostenere tutti i nostri progetti sportivi, scoprite di più sul nostro portfolio

Pin It on Pinterest

Share This