Durata: 1-10-2015/1-10-2016
Ente capofila: Istituto professionale di Stato Luigi Einaudi
Organizzazioni partner: Ceipes, Centro English Matters
Finanziato da: Erasmus +, Agenzia Nazionale Isfol

Si chiama “Smart Mobility” il progetto che prevede la formazione per adulti, nello specifico agli insegnanti dell’istituto professionale Einaudi di Palermo, che vogliono imparare un nuovo modo di insegnare per rendere le lezioni più fruibili e stimolanti per gli studenti. Per farlo è necessario dunque che il corpo docente si apra allo scambio con i colleghi del resto d’Europa e che cominci ad assorbire conoscenza e competenze attraverso lo scambio di iniziative con altre realtà educative. “È assolutamente necessario che i nostri insegnanti abbiano nuovi metodi per venire incontro agli studenti, che riescano a stimolarli attraverso nuove metodologie applicate in modo corretto e professionale – dicono i promotori del progetto – Questo processo di miglioramento si coniuga con una serie di iniziative parallele che l’istituto sta mettendo in pratica. Tali iniziative, alcune delle quali finanziate da Erasmus +, sono volte ad aumentare il livello di “internazionalizzazione” della scuola e prevedono anche molte mobilità per gli studenti”. Il progetto, nello specifico, prevede dunque la mobilità di alcuni docenti di diverse discipline affinché vadano a confrontarsi con la realtà di altri istituti: questo sarà da stimolo all’implementazione di un rinnovamento che renda il curriculum e l’ organizzazione dell’istituto più aderente alle esigenze dell’utenza che registra alti tassi di abbandono scolastico. “Crediamo – concludono – che il cambiamento debba venire da entrambe le direzioni: da un lato i docenti devono aggiornarsi ed acquisire nuovi strumenti educativi, ma dall’ altro bisogna riuscire a motivare i ragazzi all’apprendimento, stimolando in loro la curiosità e la voglia di imparare”.

Gli obiettivi specifici del progetto sono:
– Rimodernare le tecniche di insegnamento e renderle più adatte all’utenza dell’Istituto
– Sviluppare competenze tecniche, metodologiche, linguistiche ed interculturali dei docenti
– Promuovere la dimensione sociale dell’istruzione, l’ associazione delle conoscenze
– l’acquisizione e l’uso del sapere, delle abilità e delle qualifiche per facilitare lo sviluppo personale
– Rafforzare il riconoscimento delle qualifiche e competenze, incluso quelle acquisite attraverso l’apprendimento non-formale e informale, e l’uso di nuovi metodi d’apprendimento e insegnamento
– La cooperazione tra le istituzioni e il mondo delle organizzazioni.
– Il progetto avrà anche ulteriori effetti di ricaduta positivi, tra i quali :
Il miglioramento della qualità e l’ innovazione dell’istruzione professionale, la sinergia fra realtà pubbliche e private, profit e no-profit, la promozione dell’inclusione sociale e l’attenzione all’uguaglianza di genere nell’istruzione.