Oggi, martedì 3 ottobre 2017 alle ore 16, saremo tutti presso la sede del CUS di Palermo, via Altofonte.

Sarà un momento per celebrare la conclusione del progetto “Centred by Sport”, in concomitanza con la Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione.  L’evento vuole avere un forte significato  simbolico e concreto, inteso a rivendicare a gran voce il bisogno di praticare la cultura dell’accoglienza e dell’inclusione sociale.

L’evento sarà così strutturato:

16h00 interverranno:

  1. Rosolino Umberto SICULIANA (PresidenteCus Palermo)
  2. Rosario MAZZOLA (Project Manager Cus Palermo)
  3. Fabio MAZZOLA (Pro Rettore Vicario Università degli Studi di Palermo)
  4. Prof. Antonio PALMA (Presidente Csu –Comitato Sportivo Universitario- Delegato al Coordinamento delle Politiche Sportive di Ateneo)
  5. Santo GAZIANO (Presidente Anps –Associazione Nazionale Polizia Di Stato sez.Monreale)
  6. Antonino ODDO (Vice Prefetto di Palermo Dirigente area cittadinanza e immigrazione)
  7. Ibra KOBENA (Presidente U.N.I.S. Unione Ivoriana a Palermo)

17h00 si disputerà la quadrangolare di calcio a 5

  • Rappresentativa Studenti Unipa
  • Rappresentativa Dipendenti Unipa
  • Associazione Nazionale della Polizia di Stato sez.Monreale
  • Comunità/Sprar Vincente Torneo Calcio Futzal

19h00

PREMIAZIONE

21h00

BUFFET E MUSICA DAL VIVO!

Il progetto “CENTRED BY SPORT”, è stato finanziato da HEPA Europe e realizzato dal Centro Universitario Sportivo Palermo, in partenariato con il CEIPES, il Comune di Palermo, l’Associazione studenti stranieri Siclia e 14 SPRAR. Le attività sono iniziate a gennaio 2017 e si sono protratte per otto mesi. I 150 partecipanti sono giovani con esperienza di migrazione di 1a e 2a generazione residenti a Palermo, originari da Paesi Africani e Asiatici, molti dei quali sono sotto la tutela del Comune. I giovani sono stati coinvolti tramite associazioni e gruppi locali di riferimento, come la Consulta delle culture, l’Associazione della comunità filippina a Palermo, le comunità alloggio e le strutture di accoglienza per la protezione dei richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR). Durante il progetto i partecipanti hanno riflettuto sui valori che possono essere praticati attraverso lo sport e il gioco di squadra, in senso lato.

Dopo la fase di preparazione i giovani partecipanti sono entrati nel vivo del progetto con le giornate dello sport, organizzate con l’intento di utilizzare lo sport come mezzo di integrazione sociale.