Si è appena concluso il secondo incontro formativo del progetto SPOTI!
Il CEIPES ha condotto le attività e l’esperienza ha riscontrato un gran successo tra i partecipanti. Stando alla tabella di marcia del progetto, questo mese il CEIPES avrebbe dovuto organizzare l’attività di “Learning teaching training” (LTTA) a Palermo, con tutti i paesi partner del consorzio; tuttavia, a causa dell’attuale pandemia, tutte le attività sono state riadattate a un contesto virtuale.

La formazione prevede quattro sessioni, ripartite in tre giornate lavorative. L’obiettivo principale delle attività consiste nell’affrontare quegli aspetti che possono tradursi in stereotipi legati alla parità tra i sessi, attribuendo importanza anche a quegli elementi culturali che possono risultare rilevanti per tale dibattito. Il CEIPES ha organizzato delle sessioni interattive di formazione, al fine di avvalersi del gruppo multiculturale costituito da 7 nazionalità differenti.

Durante la prima sessione – dopo la presentazione dei partecipanti e una breve introduzione del CEIPES e delle finalità della formazione – è stato proposto un quiz, inerente a diversi elementi culturali legati a Palermo e alla Sicilia, dato che uno degli obiettivi delle attività di formazione consiste proprio nell’approfondire la conoscenza della cultura e della società della città presso la quale si svolgono le attività. Successivamente, il consorzio si è dedicato al tema centrale della formazione: gli stereotipi di genere.

Dato che il progetto riguarda il coinvolgimento degli uomini nelle questioni di genere, il CEIPES ha invitato l’associazione palermitana “Noi uomini a Palermo contro la violenza sulle donne” a prendere parte alla sessione come esempio di buona pratica cittadina. Questa associazione, composta esclusivamente da uomini, vanta un’esperienza nella realizzazione di attività in materia di violenza di genere nelle scuole. Durante l’attività di formazione, il CEIPES ha presentato al consorzio alcune metodologie adottate dalla suddetta associazione, al fine di condividerne e diffonderne le buone pratiche, dando la possibilità agli altri partner di riproporle nei rispettivi contesti.

Nel corso delle sessioni, i partecipanti hanno avuto l’opportunità di intervenire durante la discussione generale, con diversi momenti di condivisione, valutando anche le politiche che nei diversi paesi ostacolano attualmente l’uguaglianza di genere, alimentando la discriminazione fondata sul genere. Inoltre, sono state realizzate diverse attività interattive, finalizzate principalmente a garantire una piacevole esperienza per tutti i partecipanti, cercando di ovviare al problema della distanza.

La sessione di valutazione è stata effettuata dividendo i vari partner in gruppi di lavoro distinti. Il CEIPES ha ricevuto dei feedback molto positivi da parte dei partecipanti. Il proposito di superare le difficoltà è stato raggiunto: diversi colleghi si sono dimostrati soddisfatti degli strumenti messi in campo, affermando che trarranno ispirazione, durante le lezioni con gli studenti, dalle attività e dalle metodologie adottate.
Il consorzio del progetto è composto da diverse figure professionali, che arricchiscono il gruppo con le loro competenze e conoscenze. È stata un’esperienza molto interessante. Restate sintonizzati per le prossime fasi del progetto SPOTI!

Pin It on Pinterest

Share This