Il terzo incontro “Youth Depopulation – what can be done?” del progetto “Challenges of Regional Centres: Depopulation Control, Development – best practices” (DeCoDe) si è svolto a Palermo, Italia

Quest’anno dall’11 al 13 febbraio a Palermo si è svolto il terzo meeting per i partner rappresentanti di otto paesi: Italia, Lettonia, Lituania, Germania, Romania, Danimarca, Spagna, Inghilterra, Portogallo.

A Palermo, i partecipanti al progetto hanno familiarizzato con la questione dello spopolamento, con un focus maggiore sullo spopolamento giovanile. Il programma organizzato dal CEIPES (Centro internazionale per la promozione dell’educazione e lo sviluppo) in quanto partner del progetto si è incentrato su dibattiti, sullo scambio di esperienze fra gli esperti locali e i partner del progetto e visite studio in città. La sessione mattutina è stata dedicata al tema “Affrontare lo spopolamento in Sicilia” durante la quale sono state presentate le attività locali e le strategie per far fronte allo spopolamento dei giovani a Palermo e in Sicilia e un meeting con il comune di Palermo e altri comuni locali e stakeholders. Durante il meeting l’esperienza è stata condivisa da Musa Kirkar, Presidente del CEIPES, dall’On. Giovanni Lo Cascio, rappresentante del Comune di Palermo, da Jolanta Uzulina, coordinatrice del progetto De.Co.De., da Marcello Catanzaro, Sindaco del paese di Isnello, dal Prof. Salvatore Ilardo, Università di Trento, da Roberto Domina, Presidente dei comuni delle Madonie e amministratore delle città, da Giuseppe Dino, ricercatore, da Rosario Genchi, Presidente di “Project Manager Sicilia” e da Natale Giordano, Direttore dell’Ufficio Regionale Euromed.

Nel pomeriggio i partner del progetto hanno avuto l’opportunità di prendere parte al meeting “World Cafe” e allo scambio di buone pratiche con altre istituzioni e organizzazioni locali che lavorano in questo campo, questo è un metodo di lavoro popolare in Sicilia. Prima fase: Valutare i bisogni e le cause dello spopolamento, concentrandosi sui problemi relativi a tre aspetti: Educazione, Lavoro, Coinvolgimento della Comunità Locale. Seconda fase: Condividere le buone pratiche, le idee e le opinioni su come sviluppare strategie volte ad affrontare il processo di spopolamento in ciascuno di quei campi. Terza fase: Discussione Plenaria. Dopo tale attività i gruppi hanno esposto le loro migliori pratiche, idee e iniziative finalizzate alla soluzione dei problemi di spopolamento.

A Palermo, in Sicilia e in Italia in generale, sono state fatte esperienze positive da cui gli altri partner del progetto possono imparare. Allo stesso modo i partner internazionali e i partecipanti internazionali hanno condiviso le loro pratiche migliori, che funzionano realmente. La conclusione a cui si è arrivati è che ci sono molte differenze e similitudini sulla situazione dello spopolamento delle città e paesi partner del progetto DeCoDe. Questo implica che i partner possono imparare l’uno dall’altro e attuare il trasferimento di buone pratiche fra i partner del progetto.

I partner del progetto hanno discusso sulle attività imminenti del progetto e programmato il piano di lavoro.

La prossima riunione dei partner del progetto è pianificata a Lodz, Polonia a Maggio 2019.

Il progetto è finanziato nell’ambito del programma dell’Unione Europea “Europe for Citizens”. Calendario di attuazione: 01.03.2018.- 01.02.2020.

Pin It on Pinterest

Share This