Nome del progetto: INCAI – Inclusive Artificial Intelligence
Numero del progetto: 2020-1-UK01-KA204-079191
Durata: 24 months
Coordinatore: MEH – MERSEYSIDE EXPANDING HORIZONS LIMITED (Regno Unito)
Finanziato da: Commissione Europeaunder per il programma Erasmus+ KA2 – Strategic Partnership for adult education
Partner: CEIPES – CENTRO INTERNAZIONALE PER LA PROMOZIONE DELL’EDUCAZIONE E LO SVILUPPO ASSOCIAZIONE (Italia), AIJU – ASOCIACION DE IVESTIGATION DE LA INDUSTRIA DEL JUGUETE CONEXAS Y AFINES (Spagna), SYNERGASIA ENERGON POLITION (Grecia), I AND F EDUCATION AND DEVELOPMENT LTD (Irlanda), VALUE HUB (Svezia), KAUNO TECHONOLOGIJOS UNIVERSITETAS (Lituania), ORANGE HILL (Polonia)

Il 25 gennaio 2021 il primo meeting di INCAI – Inclusive Artificial Intelligence ha avuto luogo in una riunione online a causa dell’emergenza COVID-19. Il Kick of meeting (KOM) è stato organizzato in modo chiaro e incoraggiante grazie alla grande organizzazione del coordinatore e la cooperazione di tutti gli 8 partner provenienti da diversi paesi europei e con differenti background e competenze.

Il progetto INCAI si concentra sulle pratiche di Intelligenza Artificiale (AI) utilizzate per favorire l’inclusione sociale degli studenti svantaggiati. Fattore strettamente legato alle pratiche innovative nell’era digitale. Grazie all’aumento delle competenze ICT, gli studenti provenienti da gruppi svantaggiati avranno un migliore accesso ad altri strumenti educativi come l’apprendimento permanente attraverso un’educazione flessibile, specifica e aperta. Inoltre, avranno una migliore inclusione sociale grazie alla partecipazione attraverso ambienti virtuali e forum dove saranno in grado di accedere alle risorse per l’apprendimento e lo sviluppo che soddisfino i loro bisogni.

Il progetto INCAI si rivolge a diversi gruppi target, come: migranti, anziani, persone con disabilità e salute mentale, persone poco qualificate, non madrelingua, comunità LGBTQ e BME ed ex detenuti, membri di comunità svantaggiate che vivono la povertà e l’esclusione sociale.

Il progetto contribuirà notevolmente allo sviluppo delle competenze degli educatori e dei formatori per adulti poiché i partecipanti provenienti da gruppi svantaggiati ed emarginati avranno l’opportunità diretta di osservare diverse metodologie e tecniche utilizzate nell’educazione all’AI e nell’inclusione.

Per raggiungere gli obiettivi del progetto, i partner hanno definito il seguente obiettivo:

  • Confrontare, condividere, identificare e promuovere le buone pratiche che possano migliorare l’inclusione degli adulti provenienti da gruppi svantaggiati nell’istruzione e nell’apprendimento.
  • Migliorare l’offerta formativa per gli studenti adulti, in particolare quelli provenienti da gruppi esclusi.
  • Contribuire all’inclusione sociale nell’istruzione in tutta l’UE usando l’IA.
  • Sviluppare e ampliare le competenze dei fornitori di istruzione per adulti e delle organizzazioni che lavorano con discenti adulti provenienti da gruppi esclusi
  • Dimostrare il ruolo significativo che la tecnologia AI può giocare nel migliorare l’inclusione nell’apprendimento nelle pratiche attuali in tutta l’UE.
  • Presentare le migliori pratiche identificate e sviluppare linee guida su come elaborare i wireframe dell’IA.

Per quanto riguarda il KOM, si è tenuto seguendo un’agenda strutturata. I partner hanno discusso diversi argomenti. Inizialmente tutti i partner hanno presentato le rispettive realtà e attività delle loro organizzazioni. Poi, MEH, il coordinatore ha presentato il progetto. Poi, il coordinatore ha parlato dei ruoli di ogni partner, mostrando la linea temporale e le scadenze iniziali. In una seconda parte, il consorzio di partner ha discusso della gestione finanziaria e di come devono seguire le linee guida. Nell’ultima parte il coordinatore ha chiesto di scrivere alcune idee su cosa aspettarsi dal progetto e quali sono le idee importanti da considerare per iniziare a lavorare sul progetto. In conclusione i partner si incontreranno di nuovo il 24 febbraio per un rapido incontro online per monitorare i progressi.

Per saperne di più sul progetto seguite i nostri account social media su Facebook, LinkedIn, Instagram e Twitter.

Pin It on Pinterest

Share This