Il CEIPES – Centro Internazionale per la Promozione dell’Educazione e lo Sviluppo, ha ospitato martedì 2 luglio l’inaugurazione del nuovo centro “Rise-Lab”, rete per l’inclusione, lo Sviluppo e l’Empowerment” con la presenza del Sindaco Orlando che dopo il “taglio del nastro” ha avuto modo, assieme ai numerosi partecipanti, di poter osservare il lavoro svolto all’interno della nuova sede, accompagnato dal presidente dell’associazione Musa Kirkar.

Dopo aver visionato gli spazi, l’evento ha preso luogo all’interno del teatro dove abbiamo avuto modo di presentare, oltre alla compagine CEIPES, alcune delle più importanti associazioni nate in seguito alla confisca di beni posseduti alla mafia. Si sono susseguiti sul palco i rappresentanti delle associazioni Libera, Sartoria Sociale, InformaGiovani, circolo Arci “U-Curtigghio” e l’associazione Base Scout Volpe Astuta.

Subito dopo la pausa pranzo durante la quale il Sindaco ha donato la targa celebrativa del CEIPES, sempre all’interno del teatro si sono alternate diverse attività ludico-culturali, oltre alla presentazione di due degli ultimi progetti europei nati dal CEIPES, il progetto Green Skills e il progetto Love Life Dance.

Dalle 17.00 in poi si sono svolte le attività laboratoriali parallele. Per l’occasione sono stati allestiti alcuni desk illustrativi attraverso il quale i partecipanti hanno avuto l’occasione di entrare in contatto con le attività portate avanti dal Rise-Lab. Le attività proposte si sono incentrate sul movimento corporeo, giochi da tavola e workshop sulla stampa 3D.

Durante tutto l’arco della giornata i partecipanti hanno avuto modo di visitare anche la mostra artistica e fotografica, risultato dei progetti “Mandala – Incontrarsi è un’arte” e “All in – L’arte che si fa inclusione”, volti a favorire l’incontro e la crescita tra persone di diversa provenienza e cultura mediante diversi tipi di arte.

Il 2 luglio è stata un’importante occasione per la cittadinanza palermitana, non solo perché ha avuto l’opportunità di conoscere una realtà no profit in continua crescita e di scoprire un bene confiscato alla mafia, riqualificato e restituito alla cittadinanza, ma anche e soprattutto è risultata un’occasione per poter entrare in contatto con le realtà associative palermitane al fine di fare rete, scoprendo le buone pratiche portate avanti dal CEIPES.

L’ ex magazzino sito in Via F.M. Alias n.20 – nel cuore del quartiere Uditore – dopo l’affidamento al CEIPES da parte del Comune di Palermo e in seguito alla ristrutturazione dei locali, avvenuta senza finanziamento pubblico, ospita oggi un Centro polivalente di empowerment sociale, che lavora giornalmente sulla creazione di progetti volti a rendere il futuro un luogo migliore dove poter vivere.

Guarda la gallery completa sulla nostra pagina Facebook: https://www.facebook.com/CEIPES/

Pin It on Pinterest

Share This