Il CEIPES apre le sue porte per la conferenza di chiusura del progetto Rise Lab!

 

 

Venerdì 25 Novembre si è svolta nei locali del CEIPES la Conferenza di chiusura del  progetto RISE LAB  – Rete per l’Inclusione, lo Sviluppo e l’Empowerment, finanziato dal Dipartimento delle Politiche Giovanili e del Servizio Civile Universale con l’Avviso “Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici”.

Il progetto Rise – Lab nasce per contribuire alla riqualificazione di un bene confiscato alla mafia affidato al CEIPES nel 2017. Un ex magazzino in via Francesco Maria Alias, 20, nel quartiere Uditore di Palermo, è stato infatti trasformato in un centro polivalente di inclusione sociale e rigenerazione culturale, attivo a livello locale ed internazionale.

Questo progetto ha permesso di portare avanti dei miglioramenti strutturali all’immobile e di creare nuovi spazi a servizio della comunità, contribuendo a generare una sempre più forte interconnessione tra la dimensione locale e quella internazionale, all’interno della quale il CEIPES opera da molti anni.

Grazie al progetto Rise Lab è stato quindi possibile realizzare un centro di innovazione sociale, fatto di percorsi integrati, innovativi e sostenibili, volti a promuovere l’empowerment individuale e collettivo e l’espressione artistico-culturale del singolo così come della comunità.

Per la Conferenza Finale Rise-Lab, il CEIPES ha avuto l’onore di ospitare Maria Carolina Varchi, Vicesindaco e assessore al Bilancio, Beni confiscati e legalità del Comune di Palermo.  Con la partecipazione a questo importante evento il Comune ha manifestato il sostengo, la fiducia e la sua vicinanza al CEIPES e alle attività che porta avanti per lo sviluppo del quartiere Uditore e dell’intera città. Alla conferenza di chiusura hanno preso parte anche professori universitari; esponenti di associazioni e organizzazioni locali; studenti ed insegnanti del Liceo Linguistico Ninni Cassarà ed infine cittadini interessati alle tematiche trattate.

I partecipanti all’evento hanno potuto immergersi a 360° nei nuovi spazi ed osservare da vicino i miglioramenti strutturali apportati all’immobile grazie al progetto. In particolare, gli utenti hanno visitato il MADE – Museo Analogico Digitale dell’Empowerment – e le sue sale laboratoriali allestite all’interno dei locali del CEIPES. Il “concept” del MADE si articola su tre percorsi informativi differenti, nati da un’analisi approfondita degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 dell’ONU. Durante il percorso espositivo museale espositivo, che si articola lungo l’intera superficiale del Centro, gli utenti hanno interagito con diversi strumenti tecnologici, tra cui la realtà aumentata e virtuale, strumenti analogici e digitali.

Gli studenti presenti hanno partecipato parte a differenti laboratori didattici, sviluppati ad hoc partendo dalle tematiche del MADE: sostenibilità e rispetto dell’ambiente, parità e identità di genere, migrazione ed interculturalità.

Tali laboratori hanno lo scopo di stimolare i cinque sensi in un percorso di scoperta del proprio potenziale e favorire lo sviluppo di competenze trasversali, attraverso l’utilizzo di tecniche di educazione non formale, abbinate a diversi strumenti pedagogici di apprendimento. I partecipanti hanno anche sperimentate i giochi didattici ideati e sviluppati dagli studenti dell’istituto Ascione durante il periodo di implementazione del progetto Rise Lab, sotto la guida di facilitatori ed esperti game designer.

Tutte le attività proposte e i prodotti didattici, artistici d educativi realizzati nell’ambito del progetto Rise Lab mirano a stimolare lo sviluppo individuale e collettivo dei giovani, la rigenerazione sociale e favorire riflessioni e comportamenti di cittadinanza attiva.

L’intero centro continuerà, anche dopo la fine del progetto, ad essere gestito in modo auto-sostenibile, favorendo il coinvolgimento di giovani del territorio.

La conferenza di chiusura del Rise Lab rappresenta quindi un enorme traguardo per l’intero staff del CEIPES. Tutti gli spazi progettati e realizzati rimarranno infatti a disposizione della comunità e permetteranno a diversi target group di confrontarsi con percorsi innovativi/educativi, volti a promuovere la crescita personale di ogni individuo.

Per ulteriori informazioni sul progetto Rise Lab visita il sito web e le pagine social: FacebookTwitterInstagram!