FEELIT – Il primo meeting del consorzio

Il 6 maggio si è svolto online, sulla piattaforma Microsoft Teams, il primo meeting del progetto “FEELIT – A Pioneer Curriculum for Designing Tourism Experiences” (“un curriculum pionieristico per la progettazione di esperienze turistiche – numero progetto 2021-1-EL01-KA220-VET-000028082). Questo nuovo progetto è finanziato dal programma Erasmus+ KA220-VET – Partnership di cooperazione in materia di istruzione e formazione professionale. 

Gli obiettivi del progetto FEELIT sono:

  • Offrire una migliore comprensione delle esigenze dei turisti con problemi di udito come apporto prezioso del mercato turistico (riferito ad accesso fisico, alloggio, cibo, attività, attrazioni e trasporti).
  • Creare opportunità di lavoro per persone sorde e con problemi di udito per lavorare come agenti turistici creando vacanze accessibili per tutti;
  • Formare gli agenti di viaggio su come servire i clienti sordi e i clienti con problemi di udito. Il personale ben preparato e con atteggiamento positivo è importante per migliorare il divertimento in viaggio di questi gruppi di clienti;
  • Creare una comunità europea di persone sorde e con problemi di udito che consiglierà alle altre persone sorde di organizzare i loro viaggi nel paese visitato.

Il consorzio è composto da 7 partner europei provenienti da 5 paesi diversi (Grecia, Italia, Cipro, Belgio e Romania) e coordinato da UNIWA – PANEPISTIMIO DYTIKIS ATTIKIS (Grecia).

Durante il primo meeting, i partner hanno avuto la possibilità di conoscersi, confrontandosi sulle attività del progetto, sul budget investito e i sui risultati che dovranno perseguire.

Il consorzio di FEELIT sta attualmente lavorando allo sviluppo di un curriculum sulle basi degli agenti di viaggio di livello base adeguato per le persone con problemi di udito e, allo stesso tempo, allo sviluppo di un curriculum sulla progettazione di esperienze turistiche per non udenti.

I partner stanno anche lavorando sull’identità visiva del progetto e sulla creazione dei suoi canali social.

Non perdere nessun aggiornamento sul progetto sui canali social del CEIPES: Facebook, Instagram, TwitterLinkedIN.