CHED

Gli scacchi inclusivi

 

CHED – Chess platform for Deaf people” è un progetto KA2 Erasmus+ (613577-EPP-1-2019-1-RO-SPO-SCP) che mira a promuovere l’inclusione sociale e sviluppare le competenze delle persone sorde.

Gli scacchi, infatti, sono uno sport che consentono diversi benefici, come la stimolazione cognitiva, l’autocontrollo, il miglioramento della concentrazione e della logica.

Attraverso CHED, gli scacchi possono anche essere uno strumento per superare l’ostacolo della disabilità.

È su questo che sta lavorando il Consorzio del progetto, collaborando alla realizzazione di una piattaforma online disponibile in ogni lingua dei segni delle organizzazioni, provenienti da Romania, Turchia, Irlanda, Armenia, Grecia, Polonia e, ovviamente, Italia.

Per continuare a migliorare i risultati, i partner si sono incontrati ad Atene il 10 e 11 novembre, durante cui hanno discusso gli ultimi temi dello sviluppo dei corsi, che vanno dal livello base a quello avanzato e saranno disponibili nella piattaforma di e-learning del progetto. Il CEIPES, in qualità di leader della disseminazione, ha fornito i dati raggiunti fin ora e ha presentato la strategia di comunicazione per i prossimi mesi.

Hanno partecipato anche persone sorde, dando la possibilità al Consorzio di presentare loro il progetto e collaborare per garantire una buona qualità, seguendo delle linee comuni.

L’incontro ha dato l’opportunità ai partner di trascorrere del tempo insieme, condividere conoscenze e prospettive internazionali, ciò che contribuisce a continuare a costruire una forte cooperazione.

La creazione di una rete UE è uno degli obiettivi DSCE. Infatti, i partner si incontreranno online il 9 dicembre per mettere in contatto persone non udenti/con disabilità uditive e per presentare loro la piattaforma attiva.

Per scoprire di più sul progetto, gli eventi e le sue attività, visita la pagina Facebook e l’account Youtube!