ACT 4 INCLUSION – Continua la fase di test del progetto

CEIPES, come le altre organizzazioni partner coinvolte in  ACT 4 INCLUSION – LIFE IN THEATRE, sta continuando con la fase dei test del secondo risultato del progetto: il gioco da tavolo.

Il gioco da tavolo mira ad estendere e sviluppare le competenze degli educatori utilizzando abilità legate all’uso del teatro di improvvisazione sociale. L’idea è quella di aumentare il livello di qualità nei metodi pedagogici e di avere un numero più ampio di metodologie da utilizzare con persone con bisogni speciali (migranti, persone con disabilità, anziani, ecc).

In base allo sviluppo delle attività e dei risultati previsti, le organizzazioni coinvolte stanno sviluppando due diverse versioni del gioco: la prima è un classico gioco da tavolo a squadre, con dadi e pedine; la seconda, invece, è una versione “viva”, ancora da giocare a squadre, utilizzando sempre i dadi e con prove da superare, ma in questo caso una persona per squadra è il pedone, che si muove su una tavola gigante, camminando verso il traguardo.

Questa modalità di sviluppo del gioco, permette ai partecipanti di essere più coinvolti durante il gioco, affrontando altre “pedine” sul tabellone, favorendo lo sviluppo della presenza scenica e della consapevolezza corporea.

La prima parte della fase di test si è svolta presso la sede CEIPES, mentre la seconda si è svolta a Caltanissetta – in Sicilia – il 27 aprile, ospitata dall’istituto tecnico economico e tecnologico “Mario Rapisardi-Leonardo Da Vinci”. Il CEIPES ha avuto la possibilità di testare la “versione vivente” del gioco da tavolo e di coinvolgere studenti e professori stranieri, provenienti da Spagna e Ungheria tra le altre nazionalità, che si sono trasferiti in Italia per continuare i loro percorsi di apprendimento e insegnamento.

Erano entusiasti di interagire in un contesto diverso piuttosto che nella dinamica dell’aula, cooperando per centrare il traguardo e superando alcuni ostacoli come il divario linguistico tra di loro.

D’ora in poi, il progetto si concentrerà sulla fase di sperimentazione delle attività direttamente legate al teatro di improvvisazione, sviluppando nuovamente laboratori che coinvolgono persone migranti.

Segui il progetto, visitando il sito, le pagine InstagramFacebook.