Il 20 e 21 settembre si è svolta a Rethymo (Creta) la conferenza finale del progetto 3DINVET. Dopo un lungo periodo in cui i partner hanno svolto tutte le riunioni online, questa volta hanno avuto la possibilità di incontrarsi di persona per finalizzare tutti i risultati del progetto.

3D printing in VET (numero di progetto 2019-1-EL01-KA202-062909) è un progetto finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma Erasmus+ (KA2, partenariato strategico per l’innovazione e lo scambio di buone pratiche nel campo dell’IFP) e coinvolge 6 partner di diversi paesi: Karlsruher Institut für Technologie (Germania), European Education & Learning Institute (Grecia), CENTRO INTERNAZIONALE PER LA PROMOZIONE DELL’EDUCAZIONE E LO SVILUPPO (Italia), Escola Técnica de Imagem e Comunicação Aplicada (Portogallo), UNIVERSITA’ TELEMATICA INTERNAZIONALE-UNINETTUNO (Italia), WYZSZA SZKOLA EKONOMII I INNOWACJI W LUBLINIE (Polonia), INERCIA DIGITAL SL (Spagna) e KEKAPER-REGIONE DI CRETE (Grecia) che è il coordinatore.

Grazie ai risultati raggiunti, 3D in VET sta introducendo alcuni cambiamenti nelle modalità di IFP, offrendo approcci formativi innovativi.

Negli anni passati, i partner sono stati coinvolti nell’identificazione dei bisogni formativi sia per gli educatori IFP che per gli allievi, e delle opportunità da tutta Europa nell’ambito di questo settore che permettono di sviluppare un nuovo approccio e un curriculum innovativo.

L’incontro di due giorni è stato organizzato in base ad un programma chiaro. Grazie al contributo di tutti i partner, sono state elencate le attività mancanti, da completare entro la fine del progetto.

Inoltre, i partner hanno partecipato alla conferenza finale che il coordinatore del progetto ha organizzato durante il viaggio a Creta. Durante questa conferenza, ogni organizzazione ha presentato i risultati della fase pilota del progetto e ha avuto l’opportunità di condividerli con un vasto pubblico.

Inoltre, grazie all’organizzazione ospitante, i partner hanno incontrato il governatore della Regione di Creta che li ha accolti calorosamente e ha ascoltato con attenzione e calma ciò che hanno realizzato in questi anni.

Per ulteriori informazioni, visitate il sito web e la pagina Facebook del progetto.