YOU.CO.DE., il diario del seminario [ita and eng version]

Italia, Spagna, Armenia, Turchia, Estonia, Francia, Grecia, Polonia, Romania, Ungheria e Portogallo. Sono questi gli 11 paesi che hanno partecipato al seminario internazionale di YOU.CO.DE., in programma a Palermo dal 14 al 20 dicembre. Esperti del settore, dunque, si sono confrontati su temi quali la partecipazione attiva dei giovani nella società, il senso di comunità e le diverse prospettive per il suo sviluppo e su come i giovani possano avere un ruolo di rilievo mettendo in pratica azioni concrete.

Per farlo sono state utilizzate diverse metodologie dell’educazione non formale che hanno permesso ai partecipanti di conoscersi, di scambiarsi idee, teorie ed esperienze vissute e di dibattere sui diversi temi. Il background dei presenti e le loro storie di cittadini attivi, sono state esplorate con esperienze di teatro dell’oppresso, dando spazio alla creatività e all’arte e utilizzando video ispiratori. Spazio anche alle riflessioni nel piccolo e nel grande gruppo che hanno supportato il dibattito su quali sono i fattori che possono facilitare od ostacolare la partecipazione dei giovani nel cambiamento della società.

Tutti i partecipanti sono stati attivamente coinvolti, con il supporto dello staff e dei facilitatori, in attività cha vanno dal networking tra organizzazioni allo scambio di buone pratiche. Simulando la scrittura della sceneggiatura di un film, per esempio, ci si è chiesto cosa si intende per comunità, come si crea e come ci si sente parte di essa, e, mettendo in scena una conferenza internazionale con al tavolo gli attori di cui è composta, si sono cercate le connessioni che possano portare al suo sviluppo.

Il metodo dell’Open Space Tecnology, della durata di un giorno, ha permesso inoltre a tutti i partecipanti di mettere in campo le loro esperienze ed i loro interessi, creando gruppi di discussione in cui si sono scambiati fattori di successo e difficoltà nella gestione di progetti giovanili e nel loro approccio inclusivo delle diverse sfaccettature della società.

Il quarto giorno invece è stato dedicato ad un evento aperto alla comunità di Palermo durante il quale tante organizzazioni siciliane, insieme a quelle straniere, hanno potuto conoscere progetti che si stanno portando avanti nelle diverse località: un modo, insomma, per scambiarsi idee per il futuro. Nel pomeriggio sono state invece svolte visite sul campo a diversi progetti della città di Palermo, come Borgo Vecchio Factory, Palermo Youth Center, Libera Palermo e Sguardi urbani, dando modo quindi a tutti i giovani interessati di guardare alla città con altri occhi e di scoprirne da vicino il tessuto associativo.

Infine, un importante momento del seminario ha visto la composizione di gruppi di lavoro per la creazione di un toolkit che possa essere utilizzato nel training course che si svolgerà ad aprile e possa essere disponibile per tutte le organizzazioni interessate. L’idea è che il network di giovani che si impegnano quotidianamente per rendere questo mondo migliore si possa allargare sempre di più, creando una mappa dei progetti attivi nei diversi paesi, nei quali sempre più giovani possano essere coinvolti.

———————————

Italy, Spain, Armenia, Turkey, Estonia, France, Greece, Poland, Romania, Hungary and Portugal. These are the 11 countries that participated in the International Seminar YOU.CO.DE, which was held in Palermo, December 14th to 20th. Experts from the field met to discuss issues such as active participation of young people in society, sense of community and the different perspectives for its development and how young people can have a major role with the implementation of concrete actions.

In order to achieve that different methodologies of non-formal education were applied that allowed participants to meet, exchange ideas, theories and experiences and they also got a chance to debate about various topics. The background of the presents and their stories of active citizens have been explored with experiences of theatre of the oppressed, creating space for creativity by means of art and using inspiring videos. A space for reflection was created both in the small and the large groups that also supported the debate about what factors may facilitate or hinder the participation of young people for the sake of changing the society.

All participants were actively involved, with the support of the staff and the other facilitators, in activities that range from networking between organizations to the exchange of good practices,. Simulating writing the script of a film, for example, we asked ourselves what we mean by community, how someone creates it and how somebody may feel being part of it. By staging an international conference with all the stakeholders playing in a community, we looked for connections that could lead to its development.

The Open Space Technology that lasted one day long, was also enabling all participants to share their experiences and their interests into the related fields, creating discussion groups where they exchanged success factors and difficulties in the management of youth projects and in their inclusive approach of the different facets of society.
The fourth day was devoted to an event which was open to the community of Palermo, in Sicily, during which many organizations, along with the foreign ones, were able to learn about projects that are being carried out in different places: a good way to exchange ideas for the future. In the afternoon there were instead carried out field visits to various projects of Palermo, like Borgo Vecchio Factory, Palermo Youth Center, Libera Palermo and Sguardi Urbani, then giving chance to all interested young people to look at the city with new eyes and discover closely the network of local associations.

Finally, one of the important moments of the seminar was the composition of working groups for the creation of a toolkit that can be used in the training course to be held in April and will be available to all interested organizations soon. The idea is that the network of young people who commit themselves every day to make this world better can be expanded more and more, creating a map of the active projects in different countries, where more and more young people can be involved.

IL PROGETTO:
You.co.de.: uniamo i giovani impegnati nello sviluppo delle comunità [ita e eng version]