Progetto europeo contro il razzismo e la discriminazione

TOOLKIT_slider

La Regione Abruzzo è stata capofila dal 2012 al 2014 del progetto europeo denominato LIGHT ON Cross community actions for combating the modern symbolism and languages of racism and discrimination, il cui obiettivo è stato quello di combattere la normalizzazione dei moderni linguaggi della discriminazione razziale ed il cui partenariato era composto dal Ministero dell’interno della Finlandia, dall’ENAR- Network Europeo Contro il Razzismo, dall’ISIG – Istituto di Sociologia Internazionale di Gorizia (Italia), dal Peace Institute (Slovenia), da Progetti Sociali – Impresa sociale (Italia), dall’’Università “Loránd Eötvös” (Ungheria), da The Forum – Forum delle Comunità immigrate e rifugiate (Regno Unito) e da UNICRI – Istituto Interregionale delle Nazioni Unite per la Ricerca sul Crimine e la Giustizia.
In questi due anni il progetto ha prodotto diversi strumenti, innovativi ed utili, che hanno la gentilezza di condividere con noi. Tutti i prodotti realizzati nell’ambito del progetto sono disponibili sul sito http://www.lighton-project.eu, e la maggior parte di essi sono tradotti in italiano.
Discriminazione e odio si sono progressivamente normalizzati nell’opinione pubblica e con i partner di LIGHT ON hanno studiato le conseguenze di questo fenomeno e ci sono attivati per contrastarlo. La ricerca transnazionale condotta negli ultimi due anni ha individuato immagini ed espressioni che esplicitamente ed implicitamente esprimono il razzismo, avvertendo che intolleranza e discriminazione sono segnali preoccupanti perché pongono le basi per l’odio e per i reati fomentati dall’odio. I risultati della ricerca – semplificati e pronti per essere utilizzati – sono disponibili su un database visuale (di cui esiste anche una versione pdf in italiano) e su Bliki, un editor multilingue aperto a contributi esterni.
Il progetto ha, inoltre, affrontato la tematica legale relativa ai professionisti del diritto e delle
autorità ed il loro agire contro i crimini d’odio, attraverso un modello di formazione specializzato e un toolkit di strumenti il quale fornisce una serie di metodi pratici per segnalare l’incitamento all’odio su Internet. In collaborazione con i partner del progetto, UNICRI, l’istituto internazionale delle Nazioni Unite per la ricerca sul crimine e la giustizia, ha sperimentato il modello di formazione insieme ad un gruppo transnazionale di esperti, e ha prodotto un manuale di formazione che è disponibile sul sito, insieme ad una versione sintetica (disponibile online anche in italiano).
Per incoraggiare i cittadini a segnalare e contrastare attivamente la discriminazione, hanno anche prodotto un video che suggerisce come intervenire contro il razzismo e una guida pratica per contrastare l’incitamento all’odio utilizzando i prodotti del LIGHT ON.