Si svolgerà domenica 20 settembre, in via Fausto Coppi, nel piazzale dietro la chiesa San Filippo Neri allo Z.E.N. 2 di Palermo, la IV edizione del “Festival delle Culture – Meet Me Halfway – La cultura chiama il dialogo”. Anche quest’anno il festival ha come principale obiettivo l’incontro interculturale tra le diverse realtà palermitane per stimolare il dialogo e il reciproco scambio. L’intento è di creare un futuro di aggregazione e condivisione all’interno della comunità cittadina, combattendo i pregiudizi e le discriminazioni di qualsiasi natura. L’evento, organizzato dall’Associazione H.R.Y.O. (Human Rights Youth Organization) in collaborazione con le associazioni Zen Insieme, Maghweb e ARCI Palermo darà vita a una giornata di attività e azioni per sensibilizzare la cittadinanza a tematiche quali l’interculturalità e l’integrazione. Le associazioni che hanno aderito a questa edizione del festival – compreso il CEIPES – realizzeranno una serie di workshop e attività ludiche non formali utili a conoscersi e a riconoscersi come abitanti della stessa città.

Perché lo Z.E.N.2 ? La scelta del quartiere è stata pensata per incentivare lo sviluppo localee abbattere le barriere mentali ed il pregiudizio dilagante che sono andati crescendo negli anni attorno a questo luogo e a chi lo abita. Attraverso ilcoinvolgimento degli abitanti del luogo e il supporto di tutti i volontari, sarà una giornata dove l’allegria farà da padrona, verranno demolite le paure per far spazio alla creatività e al gioco. Il filo conduttore sarà quindi creare aggregazione promuovendo la cultura dello stare insieme, dei diritti umani, del dialogo e della conoscenza in tutte le sue forme. Tante le attività in programma: laboratori di animazione, danze popolari e orientali, attività di riciclo e giardinaggio, installazioni artistiche e spettacoli dal vivo. E ancora un’ osservazione solare e workshop astronomico, un cantastorie musicato, un cruciverba interculturale e la sfida culinaria “Le mamme del mondo”. Ogni cittadino che parteciperà all’evento è invitato a portare una piantina o un fiore al fine di abbellire il quartiere. Verrà creato, inoltre, un simbolo della pace il cui interno sarà decorato da impronte di piedi e mani e al cui esterno verranno sistemate le piante e i fiori portati dai partecipanti. L’attività sarà un flashmob dal titolo “Tutti giù per terra – flashmob per la pace”. Per avere maggiori informazioni e tenere d’occhio tutti gli aggiornamenti è possibile collegarsi all’evento su Facebook.