Prendi 16 ragazze e ragazzi di 7 Paesi europei, referenti di associazioni LGBTQI* che si incontrano per un training course internazionale, e falli vivere una settimana fra i campi verdi irlandesi. Gli animali, la natura, buon cibo, internet off e tanto da condividere: esperienze, conoscenze, idee, emozioni, racconti. Vite che si intrecciano dietro un filo conduttore: essere una persona LGBTQI*, e sentire ancora oggi il peso delle discriminazioni, dei pregiudizi, dei diritti mancati. Perché si ama una persona dello stesso sesso; perché non ci si sente appartenere al proprio corpo, alla propria identità, e la si vuole esplorare nelle sue tante, bellissime sfumature. Difficile raccontarsi, esplorare emozioni così intense. Ma quando si è insieme, è tutta un’altra storia.

Perché insieme, ti accorgi che tutti i traguardi sono raggiungibili. Insieme, riesci anche ad ironizzare sulle difficoltà vissute. Insieme, i colori prendono forma e si trasformano in un meraviglioso arcobaleno. Insieme, i tempi bui non tornano più. Mai.

Insieme, perché quando si parla di diritti LGBTQI* non ci si riferisce solo a qualcuno, ma a tutt*. Si parla di diritti umani, e siamo chiamat* tutt*, costantemente, a difenderli, e a raggiungerli.

Io mi porto questo a casa da quest’incredibile settimana che ho avuto la fortuna di vivere: una necessità, di esserci ogni giorno, per rivendicare l’amore, in tutte le sue forme, e la libertà di essere chi vogliamo essere. E vi invito a fare altrettanto.

Together, hard times never come back!

Gianluca Rollo