Si chiama “Becybersafe”, ed è il progetto che ha l’obiettivo di insegnare agli adolescenti come usare internet in modo sicuro e senza bullismo

PALERMO – Trovare nuovi modi per motivare gli adolescenti ad usare in modo sicuro internet e coinvolgerli in campagne contro il bullismo. È questo l’obiettivo di “Becybersafe”, il progetto che ha preso il via nel settembre 2014 e che si concluderà ad agosto 2015. Un progetto che coinvolge ben 9 associazioni, incluso il Ceipes, con lo scopo di ridurre il cyberbullismo all’interno delle scuole. Ancora, un altro obiettivo, vincolato al primo, è quello di prendere delle misure preventive contro l’assenteismo e l’abbandono scolastico. Si vuole quindi rendere consapevole la società e procurare delle conoscenze di base e delle linee guida per poter offrire un aiuto, non solo agli studenti, ma anche a genitori ed insegnanti. A loro, oltre a dare informazioni pratiche e consigli per combattere il bullismo, verrà distribuito un libro guida dal titolo “Becybersafe”.

Dal 1 al 4 aprile a Afyonkarahisar (in Turchia), intanto, si è tenuto il kick off meeting del progetto. L’incontro è stato organizzato dall’Associazione turca coordinatrice del progetto AFYONMEM (Afyonkarahisar Il Milli Egitim Mudurlugu). I partner coinvolti sono le associazioni Yegitek (Turchia) , L’ Università di Coimbra (Portogallo), Komunikujeme Os (Repubblica Ceca), Interfusion Services Limited (Cipro), L’Università di Manchester (Regno Unito), 1 Konsulent Øystein Samnøen (Norvegia), Artemisaworld S.L. (Spagna) e, appunto, il Ceipes.