Autore: kirkar

Operatore Giovanile del Kenia a Palermo

Nell’ambito del progetto “Learning by seeing, seeing by doing” il CEIPES ospiterà a Palermo, dal 31 Agosto al 8 Settembre un giovane keniota (Willie Mwangi) rappresentante dell’associazione Kenya Youth Foundation. L’obiettivo della visita è scambiare pratiche e conoscenze nell’ambito del lavoro svolto con i giovani, specificamente sui temi della povertà, diritti umani e pari opportunità tra donne e uomini. Le giornate lavorative prevedono vari tipi di attività, tra cui: riunione presso l’ufficio del CEIPES per conoscere le rispettive organizzazioni e modi di lavorare incontro con organizzazioni locali e centri giovanili per conoscere il lavoro da loro svolto visite culturali a Palermo e dintorni serata culturale sul Kenia incontri con policy makers In programma completo è in allegato. Il CEIPES invita tutti gli amici e amiche a partecipare alla serata culturale sul Kenia che si svolgerà presso la Casa della Cultura Araba Al Quds, in Via Guardione 21, Palermo. La serata inizia alle ore 22 e include una presentazione sul Kenia, ascolto di musica dal Kenia e scambio di idee con il giovane keniota Willie Mwangi. Durante la stessa settimana si organizzeranno 2 workshop sulla povertà (lotta alla povertà in Kenia) e advocacy (introduzione a cos’è e come fare advocacy), rispettivamente i pomeriggi del 5 e 6 Settembre. È nostro piacere invitarvi a partecipare ai due workshop che si svolgeranno in sede ancora da decidere. Per aderire basta compilare la...

Read More

Competizione di Fotografia

Nell’ambito del progetto Learning by seeing, seeing by doing e della giornata internazionale della Pace – 21 Settembre – il CEIPES avvia una competizione di fotografia intitolata PEACE IN YOUNG PEOPLE’S EYES. Scarica il regolamento...

Read More

Avvio del Progetto Meltinglab

Il progetto Meltinglab, nel quale è partner il CEIPES è stato avviato di recente all’interno dell’Istituto Duca Abruzzi e dell’IC Federico II, a Palermo. Il progetto è stato finanziato all’interno del Fondo Sociale Europeo (asse IV Capitale Umano) tramite la Regione Siciliana, Assessorato Regionale dell’Istruzione e della Formazione Professionale, e ha come finalità principale sostenere il successo scolastico degli studenti stranieri valorizzando l’interculturalità nelle scuole. Il progetto Meltinglab intende promuovere le pari opportunità tra gli allievi, indipendentemente dalla loro appartenenza etnica e/o culturale. L’intervento si fonda sulla promozione di pari condizioni di accesso al sapere e sul rafforzamento dell’educazione interculturale per tutti gli alunni. Obiettivi dell’intervento sono: 1.Fornire agli alunni stranieri strumenti e competenze atte a garantire sufficiente autonomia nella comunicazione (sviluppo del lessico e della strumentalità linguistica di base) e a promuovere la convivenza tra tutti gli studenti (italiani e di origine migrante) valorizzandone le diverse identità. 2.Creare le condizioni nelle scuole e nei servizi, nei luoghi di vita, nelle istituzioni, negli operatori affinché si rendano possibili l’accoglienza e l’integrazione degli alunni stranieri e delle loro famiglie e promuovere l’incontro e il confronto tra le culture. 3.Fornire ai minori stranieri e alle loro famiglie, strumenti di conoscenza e informazione per potersi orientare e inserire nella società italiana. 4.Contribuire alla formazione di un’educazione attenta ai principi di cittadinanza, di accettazione e valorizzazione della diversità culturale, e più in generale...

Read More

L’invito al Conferanza Finale del Progetto Meltinglab

Meltinglab è il nome del progetto che il CEIPES, ha avviato come partner in collaborazione con due realtà scolastiche di Palermo: l’Istituto Duca Abruzzi e dell’IC Federico II. Finanziato all’interno del Fondo Sociale Europeo tramite la Regione Siciliana e l’Assessorato Regionale dell’Istruzione e della Formazione Professionale, il progetto si basa sull’incontro e il confronto tra culture e lo fa valorizzando e rafforzando l’importanza dell’interculturalità in ambito scolastico mediante la promozione di pari opportunità e pari condizioni di accesso al sapere per tutti gli alunni, indipendentemente dalla loro appartenenza etnica e/o culturale. Fornendo agli studenti strumenti e competenze, si sostiene il loro successo scolastico, si garantisce sufficiente autonomia nella comunicazione, la creazione di condizioni che rendano possibili l’accoglienza, l’integrazione e la promozione della convivenza tra tutti gli studenti (italiani e di origine migrante), l’integrazione e la valorizzazione delle diverse identità che compongono il tessuto sociale scolastico. L’intento è quello di contribuire alla formazione di un’educazione attenta ai principi di cittadinanza, di accettazione e valorizzazione della diversità culturale ma è anche un’occasione per aprire l’intero sistema a tutte le differenze di provenienza, genere, livello sociale, storia scolastica. Il 27 APRILE 2012 alle ore 18:00 si terrà la MANIFESTAZIONE CONCLUSIVA  nella “Sala Teatro” dell’I.T.C.G. e Turismo “Duca Abruzzi” in via Emerico Fazio,1 a Palermo nei pressi di via Autonomia Siciliana.L’incontro previsto è aperto a tutti. Vi aspettiamo numerosi! ORE 18:00 SALUTI ISTITUZIONALI...

Read More

Programma V.I.P.

COS’E’ IL PROGRAMMA di accoglienza temporanea di minori non accompagnati “VACANZE IN PACE” (V.I.P.)? Il programma funge da ponte tra la RASD (Repubblica Araba Saharawui Democratica), governo in esilio dal 1978 con sede provvisoria presso i campi profughi del Sahara Occidentale e la società civile in Europa. L’attività principale del programma V.I.P. è quello di disporre ospitalità ai bambini e alle bambine saharawui durante il periodo estivo. Durante il periodo dell’anno che va da Giugno ad Agosto, le temperature registrate nei campi profughi del Sahara Occidentale sfiorano spesso i 50 gradi centigradi all’ombra: è questo il motivo principale per cui le associazioni del terzo settore in Europa hanno deciso di avviare questo tipo di collaborazione con il governo Saharawui. CHI PUO’ PARTECIAPARE? Il programma si svolge grazie alla disponibilità espressa da famiglie e/o enti locali che mettono a disposizione la propria casa e il proprio tempo per offrire ospitalità ai bambini e alle bambine Saharawui. PER QUANTO TEMPO E’ POSSIBILE OSPITARE? Il periodo di permanenza dei bambini in famiglia viene scelto dalle famiglie stesse in accordo con l’ente gestore del Programma V.I.P. Il periodo minimo di permanenza è di tre settimane per le partenze di fine Luglio mentre, il periodo massimo è di 60 giorni per le partenze relative al periodo di Giugno. DOVE POSSO TROVARE ULTERIORI INFORMAZIONI? Vi preghiamo di mettervi in contatto con i seguenti contatti per...

Read More

Sponsors

Recent Tweets